ACCEDI

Nessun account trovato. Riprova.



Dimenticato la password?
Registrati
Login

Orari Negozio

lunedi': 15.30-19.30
martedi'-sabato: 09.00-12.30 15.30-19.30

Home Page Cerca:
Registrati | Login | Aiuto | Contattaci  

La lettera di Gertrud

La lettera di Gertrud

di Larsson Bj÷rn

  • Prezzo online:  € 19,50
  • ISBN: 9788870916058
  • Editore: Iperborea
  • Genere: Narrativa
  • Dettagli: p. 465
Disponibilitá immediata
Spese di spedizione:
3,49 €


Contenuto

╚ spargendo al vento le ceneri della madre che Martin Brenner, genetista all'apice di una brillante carriera, marito e padre felice, comincia a interrogarsi sul suo rapporto con lei: perchÚ non prova un vero dolore, perchÚ ha sempre sentito che un velo si frapponeva tra loro? ScoprirÓ il motivo in una lettera che lei gli ha lasciato: quello che li divideva era un segreto. Sua madre non si chiamava Maria, ma Gertrud, ed era un'ebrea sopravvissuta ai lager. Glielo aveva nascosto per proteggerlo, ma anche per lasciarlo libero di scegliere, da adulto consapevole, la propria identitÓ e la propria vita. Ma qual Ŕ la scelta davanti a una rivelazione cosý scioccante? E cosa vuol dire poi essere ebreo? Con il razionalismo dello scienziato, Martin si getta in ogni genere di letture, ricerche, discussioni con l'amico Simon e il rabbino Golder, per poter decidere: tenere il segreto o accettare la sua ebraicitÓ, sconvolgendo non solo la propria esistenza, ma anche quella della sua famiglia, nonchÚ quel quieto rapporto di źreciproca indifferenza╗ che ha sempre avuto con Dio? Ed Ŕ davvero libero di scegliere o Ŕ in realtÓ costretto ad accettare una definizione che per un genetista, e ateo, non ha alcun significato, e un'appartenenza che non sente? Con la sua capacitÓ rabdomantica di captare i grandi temi del presente, Bj÷rn Larsson affronta uno dei grandi equivoci di oggi - l'identitÓ levata a vessillo di divergenza e inconciliabilitÓ e l'appartenenza come bisogno primordiale eretto a muro divisorio - per rivendicare il diritto di ognuno di essere guardato e giudicato per l'unica vera identitÓ che abbiamo: quella di singole persone.

Carrello

Vuoto