ACCEDI

Nessun account trovato. Riprova.



Dimenticato la password?
Registrati
Login

Orari Negozio

lunedi': 15.30-19.30
martedi'-sabato: 09.00-12.30 15.30-19.30

Home Page Cerca:
Registrati | Login | Aiuto | Contattaci  

L'arte di perdere

L'arte di perdere

di Zeniter Alice

  • Prezzo online:  € 22,00
  • ISBN: 9788806239503
  • Editore: Einaudi [collana: Supercoralli]
  • Genere: Narrativa
  • Dettagli: p. 433
Disponibilitá immediata
Spese di spedizione:
3,49 €


Contenuto

AlÝ ha perso tutto. Eppure non ha mai creduto che la Storia potesse riservargli qualcosa di brutto. Non a lui che Ŕ sopravvissuto alla battaglia di Montecassino combattendo per la Francia. Non a lui, a cui il cielo ha - letteralmente - donato un torchio e Dio un primogenito bello e sano come Hamid. Ma quando nel 1962 l'Algeria ottiene l'indipendenza, AlÝ non Ŕ pi¨ l'uomo onorato e rispettato del suo piccolo villaggio. Ha dovuto collaborare con gli oppressori francesi: ora nuovi oppressori lo perseguitano in nome di un'altra bandiera. AlÝ deve lasciare per sempre - ma questo ancora non lo sa - gli uliveti della sua amata montagna in Cabilia. Hamid Ŕ ancora piccolo quando perde tutto per la prima volta. O meglio, scambia tutto quello che ha: l'innocenza per lo spettacolo delle torture della guerra civile, la casetta sul crinale per una tenda in un desolante campo d'accoglienza, i suoi fieri genitori per due ombre svuotate da un'anonima banlieue francese. Di quello sradicamento Hamid finisce per farne una religione, condannando il paese della sua infanzia all'oblio e se stesso alla condizione permanente di straniero. Na´ma ha perso l'Algeria prima ancora di poterla avere. PerchÚ il padre Hamid non ha mai voluto raccontarle niente, sua nonna non parla la sua lingua, la metÓ dei suoi zii Ŕ nata in Francia, suo nonno AlÝ Ŕ morto da tempo e in fondo va bene cosý. Na´ma Ŕ francese e pensa di non avere nulla in comune con quel paese sulla riva opposta del Mediterraneo. Fino a quando per lavoro non Ŕ costretta a visitare l'Algeria e decide di conoscere meglio la travagliata storia della sua famiglia. Anche se tutti la considerano źun'algerina╗ - soprattutto negli anni del terrorismo e della xenofobia che infetta l'Europa - Na´ma capisce presto che un paese non Ŕ un tratto somatico e non si pu˛ ereditare.

Carrello

Vuoto